Tu sei qui

Il braccio bionico di The Phantom Pain nella vita reale

Vi ricordate del progetto "Phantom Limb" portato avanti da Konami per la realizzazione di un arto meccanico perfettamente funzionante?

Ebbene, i lavori sono stati ultimati ed il risultato è stato mostrato nei giorni scorsi durante laBody Hacking Con da James Young (il destinatario dell'arto meccanico) e da Su-Yina (una dipendente di Konami).

 


 

 

La realizzazione, costata circa 60.000 £, ha restituito a Young uno degli arti persi nel 2012 a causa di un incidente ferroviario ed è frutto di una ricerca tutta inglese co-finanziata dalla Software House nipponica e dalle donazioni raccolte da Young tramite il web.

 


 

 

Il braccio, oltre alle funzioni basilari di movimento, è dotato di una porta USB al quale connettere il cellulare, di una torcia LED, di un puntatore laser e di un piccolo schermo LCD sul quale vengono visualizzate diverse funzionalità.

 


 

 

Young quindi non potrà contare sul "Rocket Punch" o su uno storditore elettrico, ma è comunque molto felice di poter tornare a vivere una vita quasi normale.

 


 

 

Il giovane adesso è di nuovo alla ricerca di donazioni per l'implementazioni di alcuni innesti in titanio che gli permetteranno di connettere il braccio direttamente alla scapola in maniera permanente.

 

 

 

Fonte: The Indipendent

Voglio sapere quanta forza ha Biggrin

chissà che figata segarsi con quello

chissà che figata segarsi con quello

chiedi a wolowitz di big bang theory.

 

Notizia molto interessante, bionica on the run.

Categoria 

Utenti on-line

Stanno visualizzando il topic: e 1 visitatore(i).
Sito web sviluppato da Luca Osti
Grafica realizzata da Omar Sabry
Kinguin Overwatch - 160x600
Kinguin World of Warcraft: Legion - 160x600