E3 2018. Cosa sappiamo adesso di Death Stranding

L'evento californiano si avvia alla conclusione, prevista oggi. Cosa ci ha portato l'Electronic Entertainment Expo? Di sicuro un nuovo trailer di Death Stranding, il quarto, che nonostante le dure critiche di alcuni fan è una miniera di informazioni. Ma anche, e soprattutto, alcune succose dichiarazioni di Hideo Kojima rilasciate in tre interviste e in un post su Playstation Blog. Partiremo proprio da qui riportandovi alcuni estratti mentre troverete il link al post completo alla fine di questo articolo.

 

"Posso confermare che tutti i trailer mostrano sequenze presenti nel titolo, questo include anche il teaser dove vediamo Sam/Norman nudo in mezzo alle balene e ai granchi spiaggiati. Degli ultimi due trailer posso dirvi invece che fanno riferimento alle prime ore di gioco"

 


 

Riferendosi al primo trailer, Kojima nel 2016 aveva detto "Il gioco è già iniziato - un gioco di indagine per scoprire tutti i misteri riguardanti Death Stranding e che tipo di gioco sarà" dichiarazione ripresa nel post in questione "Ci sono molte risposte al mistero in quello che ho mostrato finora. Questo è un regalo che vi faccio, un regalo ai fan che hanno dimostrato la caparbietà di spremersi le meningi, cercare e saper immaginare. Ma le risposte che vi ho dato risolvono solo una parte di mistero. Il nostro gioco va avanti"

 

Sul personaggio di Sam, invece: "Lui è diverso da tutti gli eroi visti finora. Siamo abituati a personaggi con abilità militari d'èlite. Sam è invece un lavoratore, il tipico colletto blu, qualificato in quello che fa. Qui giace anche la nostra sfida; costruire insieme un nuovo tipo di gameplay e un nuovo tipo di eroe".

 

Dopo aver svelato la presenza di Lèa Seydoux e Lindsay Wagner, Kojima si è sentito di aggiungere "Ci sono membri del cast che non sono ancora stati rivelati. Non era nelle mie intenzioni iniziali ma adesso abbiamo un cast che trascende lo spazio e il tempo: Norman è uno dei più conosciuti attori americani del momento, Mads è un vero talento dalla Danimarca, Lèa è al top tra le attrici francesi mentre Lindsay è una musa del 20simo secolo. Curiosamente questi temi [connessioni tra persone provenienti da diversi luoghi ed epoche. nda] sono collegati a quelli trattati nel gioco."

 


 

Alla fine del post, Hideo racconta un aneddoto riguardante i Silent Poet: "Ci servivamo spesso di un servizio catering. Discutendo con un membro dello staff abbiamo scoperto che era un musicista e che la sua band stava per far uscire un nuovo disco. Il primo dopo 12 anni. Quando ascoltai un sample estratto dall'album subito nella mia mente apparve Sam che vagava per il mondo. Capii che volevo usarla. Quella canzone era Asylum for the Feelings".

 


 

Le interviste: a Los Angeles la prevista partecipazione di Kojima avrebbe dovuto essere "limitata" alla sola chiaccherata con Jordan Vogt-Roberts ma, a sopresa, è apparso prima in compagnia di Lindsay Wagner per rispondere alle domande di Geoff Keighley e dopo con Hermen Hulst durante il PlayStation Live.

 

Le riportiamo in versione integrale qui di seguito.

 

Qui la chiaccherata tra Hideo Kojima e Jordan Vogt-Roberts durante la quale ha fatto la sua apparizione anche Yoji Shinkawa

 

 

Qui invece l'intervista di Keighley a Kojima e Lindsay Wagner. L'attrice ha spiegato come è stata scritturata mentre il game director ha ricordato le opere che lo hanno convinto a contattare la Wagner per darle un ruolo in Death Stranding.

 

 

In ultimo l'intervista condotta da Sid Shuman e Ryan Clements per il PlayStation Live. Si è discusso ancora di Death Stranding e di Decima Engine.

 

 

Kojima non si è risparmiato però un incursione durante l'intervista a Darren Aronofsky nella mattinata di ieri (ora di Los Angeles). L'intervento però si è svolto a porte chiuse e non è stato trasmesso in streaming. Pertanto non siamo in grado di fornirvi una testimonianza video. Sappiamo dell'intervento di Kojima grazie ai tweet di Hermen Hulst e di Kojima stesso che si è fatto ritrarre in foto insieme al dirigente di Guerrilla Games, al regista Aronofsky e a Geoof Keighley, moderatore dell'evento.

 

 

 

Tweet rilanciato in seguito dallo stesso Aronofsky

 

 

 


Fonte: Playstation Blog


Venite a parlarne sul forum in attesa di nuove informazioni! Non dimenticatevi inoltre di scaricare la nostra app Android e di mettere "mi piace" sulla nostra pagina Facebook e di seguirci su Twitter o Youtube per rimanere sempre aggiornati sul mondo di Metal Gear Solid!

Roberto "Otacon" Minasi
Avatar di Otacon

Ha provato ad unirsi al circo all'età di 4 anni. Scartato perchè troppo qualificato si è rifugiato nei videogame passando dal SEGA Master System allo Snes al Game Boy per approdare infine al mondo PlayStation. Appassionato di MGS da quando aveva nove anni, adesso gioca a fare il giornalista con scarsi risultati. Dategli un caffè e vi solleverà il mondo.

Sito web sviluppato da Luca Osti
Grafica realizzata da Omar Sabry
Kinguin Overwatch - 160x600
Kinguin World of Warcraft: Legion - 160x600